+39 049 860 1340 | +39 391 384 64 37 [email protected]

      Osteopatia perinatale e pediatrica

      Un sostegno completo alla mamma e al bambino: prima, durante e dopo il parto

      L’osteopatia stimola l’organismo a tendere verso l’equilibrio, la salute e il benessere. Un percorso che può iniziare molto presto, non solo nei bambini ma addirittura all’interno del ventre materno, coinvolgendo sia la madre che il bambino.

      Si parla in questo caso di Osteopatia perinatale, ovvero un approccio che coinvolge l’intero ciclo della maternità e della prima fase evolutiva.

      Per il bambino

      • Manipolazione dolce attraverso il ventre materno;
      • Osteopatia neonatale

      Per la mamma

      • Osteopatia in gravidanza (approfondisci alla pagina dedicata)
      • Trattamenti post-parto

      L’approccio osteopatico pediatrico

      Si tratta di una forma di manipolazione dolce in grado di trattare alcuni disturbi molto frequenti nei bambini fin dai primi mesi di vita.

      Attraverso un’accurata anamnesi preliminare l’osteopata specializzato in cure neonatali è in grado di individuare le eventuali disfunzioni all’apparato scheletrico, strutturale, membranoso o muscolare, che possono manifestarsi subito dopo il parto.

      Uno dei casi “classici” in cui i trattamenti manipolativi osteopatici si rivelano risolutivi è la plagiocefalia posizionale, una lieve deformazione del cranio che può insorgere fin dalle prime settimane di vita dei neonati.

      Cos’è la plagiocefalia?

      La plagiocefalia è una deformazione alla parte posteriore del cranio del neonato, che si manifesta con la testa appiattita da un lato e con segni particolari di asimmetria, come un orecchio più avanti dell’altro, un occhio più piccolo dell’altro o una guancia più gonfia rispetto all’altra, e colpisce dal 3 al 20% dei bambini a partire dalla nascita fino ai due anni di età. Non è un’anomalia grave e, nella maggior parte dei casi in cui viene diagnosticata, viene curata con manovre dolce sulle suture del cranio dal osteopata e degli accorgimenti che i genitori devono seguire su come posizionare il neonato quando dorme.

      Gravidanza

      La testa può subire modificazioni durante il travaglio con il passaggio del feto nel canale vaginale;

      Nascita prematura

      Quando il cranio non è ancora del tutto formato ed è quindi più molle e soggetto, sempre durante il parto, a subire modificazioni;

      Debolezza ai lati del collo

      Debolezza o torcicollo dei muscoli del collo del neonato specialmente in uno dei due lati del collo, poiché il bambino tende a piegare la testa da una parte in modo preponderante;

      Osteopatia perinatale a sostegno del parto

      Durante il travaglio e il parto il bambino è soggetto a forze di compressione o di trazione molto forti, può subire manovre esterne per facilitare l’espulsione e tutto questo può causare piccoli traumi al cranio o al collo, anche in caso di parto aiutato, prematuro o ancora di taglio cesareo possono avvenire impercettibili traumi nel neonato che causano difficoltà respiratorie, reflusso, piccoli problemi posturali che vengono completamente risolti se curati fin dai primi mesi.

      L’osteopatia neonatale e pediatrica è indicata nei casi di infezioni ricorrenti, come otiti, riniti, tonsilliti, faringiti, in caso di asma, allergie o bronchiti ricorrenti, per disturbi del sonno o comportamentali o ancora ritardi di sviluppo fisico o intellettivo. L’osteopata controllerà il ritmo cranio sacrale del neonato attraverso delle manovre molto delicate per riequilibrare la struttura fasciale e connettiva oltre che strutturale del neonato e facilitare anche le attività più semplici, come la respirazione

      Un altro caso in cui l’osteopata può aiutare le neomamme e i piccoli è relativo alle difficoltà nell’allattamento che talvolta possono comprometterlo o rendere molto difficoltoso il momento della poppata per la neomamma. In caso di difficoltà digestive o anche provocare difficoltà nella suzione col risultato di infastidire e innervosire il neonato e straniare la mamma.

      Alcune problematiche posturali della mamma nelle ultime settimane di gestazione, quando gli spazi interni per il piccolo diminuiscono, possono causare disturbi come sciatalgia, lombalgia o tensioni addominali, creando scompensi strutturali che influiscono sul parto. L’osteopatia può aiutare la donna a prepararsi al momento del parto e seguirla poi nel periodo post partum essendo d’aiuto anche al neonato.

      Il campo d’azione dell’osteopatia pediatrica è dunque molto ampio, e i trattamenti manipolativi osteopatici sono delicati e assolutamente indolore. L’osteopata pediatrico può seguire il paziente da neonato fino ai 16 anni di età, garantendo uno sviluppo psico fisico in perfetta salute. Per approfondire l’approccio, vai alla pagina dedicata.

      Contattaci per sapere di più sul nostro approccio osteopatico pediatrico

      I tuoi dati verranno trattati in ottemperanza con il GDPR - Regolamento Generale per la Tutela dei Dati Personali. Cliccando su “Invia”, esprimi il consenso al trattamento dei dati. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

      Autorizzo la raccolta del mio account e-mail per la newsletter e rimanere aggiornato sulle attività di Osteoabano

      9 + 11 =

      Call Now Button

      Pin It on Pinterest