+39 049 860 1340 | +39 391 384 64 37 [email protected]

      L’osteopatia neonatale è una cura dolce che può essere risolutiva nel caso di molte infezioni o disturbi ricorrenti nei bimbi appena nati. Otiti, riniti e disturbi della respirazione possono, infatti, essere curati con i trattamenti manipolativi osteopatici, senza quindi ricorrere a cure farmacologiche spesso inadatte a pazienti così piccoli.

      Un’anamnesi accurata dell’osteopata servirà a studiare un piano di trattamenti manipolativi dolci dedicati all’area cranica, per esempio, in modo da favorire il ripristino dell’equilibrio delle funzioni nel sistema respiratorio. Il tocco dell’osteopata può aiutare il bambino a risolvere piccole contratture o tensioni nel collo responsabili di piccoli problemi posturali, dovuti magari ad un travaglio prolungato o ad una nascita aiutata da una ventosa, o ancora ad un taglio cesareo.

      Osteopatia e pediatria per il benessere del bambino

      Esistono paesi in cui è pratica comune al momento della nascita che il neonato venga visitato dal pediatra e dall’osteopata, che fa parte del team operativo a disposizione della neomamma. Gli osteopati neonatali consigliano alcune visite in precisi momenti: la prima già dopo poche settimane di vita, per la valutazione di alcune funzioni principali che il corpo del neonato deve poter compiere nel modo più naturale possibile.

      L’osteopata valuterà, per esempio, la simmetria e la mobilità del cranio e della zona cervicale, dove tensioni o contratture, magari dovute al trauma del parto, potrebbero rendere difficile un corretto attacco al seno. Ancora l’osteopata potrà valutare la forza e la mobilità del diaframma, fondamentale nel processo di digestione e per la regolarità intestinale del neonato. Infine, si valuterà la tensione addominale in modo da risolvere il problema delle coliche.

      Intorno al quarto mese l’osteopata potrà valutare il corretto sviluppo psicomotorio del neonato, con particolare attenzione a eventuali difficoltà a restare in posizione supina, o al manifestarsi di disturbi del sonno. Intorno agli otto mesi il neonato sta imparando a gattonare, quindi, l’osteopata potrà controllare la corretta modalità di muoversi del bambino.

      Dopo l’anno, quando il bambino inizia a camminare, una visita di controllo potrà valutare la corretta anatomia di caviglie, ginocchia e anche oltre alla postura di gambe e bacino, le cui anomalie potrebbero rallentare o rendere difficoltosa la deambulazione.

      Infezioni ricorrenti nei neonati

      L’osteopatia neonatale si dimostra una terapia risolutiva nei casi di plagiocefalia neonatale, ma anche nella maggior parte dei problemi alle vie respiratorie che possono insorgere fin nei primi mesi di vita, preoccupando i neo genitori come asma, allergie, infezioni, otiti, riniti e faringiti. È opinione comune che i bambini molto piccoli si ammalino facilmente, ma questo può dipendere da diversi fattori.

      Spesso i neonati soffrono di infezioni ricorrenti, come l’otite, difficile da prevenire e molto dolorosa. Nei loro primi mesi di vita occorre avere alcune attenzioni, come evitare i luoghi affollati o dove comunque potrebbe esserci aria viziata, lavarsi sempre le mani prima di prenderli in braccio, insomma evitare che entrino in contatto con germi e batteri.

      Ma alcune infezioni come otiti o faringiti sono imprevedibili: spesso dipendono anche dalla stagione. Quindi durante l’inverno che fare? Non si portano più i bimbi a passeggio? Nulla di più sbagliato, poiché come consigliano tutti i pediatri, i bimbi devono uscire all’aria aperta anche da molto piccoli, certo ben coperti, poiché non è il freddo che li fa ammalare ma il contatto con possibili virus.

      Talvolta nonostante tutte le precauzioni che un genitore possa prendere i neonati però si ammalano lo stesso, e soprattutto nei mesi invernali sono soggetti a infezioni quali riniti, otiti, faringiti. L’osteopatia neonatale può essere un valido aiuto in questi casi, poiché l’osteopata è in grado di valutare la fisiologia del neonato, intervenendo per correggere le possibili disfunzioni che provocano l’insorgere di questi problemi.

      Call Now Button

      Pin It on Pinterest